Background Color:
 
Background Pattern:
Reset
Ricerca

News da Dolcitalia

Usa, i top trend che stanno cambiando lo shopping - 15 Luglio 2019

Usa, i top trend che stanno cambiando lo shopping - 15 Luglio 2019

Autore: SUPERUSER ACCOUNT/lunedì 15 luglio 2019/Categorie: Home Page Dolcitalia, News Dolcitalia

Salute, moda e tecnologia hanno un ruolo sempre più determinante nelle abitudini di acquisto dei consumatori americani. Una ricerca del Food Marketing Institute esamina le ultime tendenze.

 

 

 

 

L’evoluzione è rapida e incalzante, forse come mai in passato. Nel mercato alimentare la domanda dei consumatori insegue nuove esigenze ed esperienze, dal self checkout al click&collect, fino al boom dei kit pasto. Tuttavia, nello stesso tempo, a cambiare sono anche le preferenze degli shopper, così come le loro abitudini e, inevitabilmente, il loro approccio alla spesa e al cibo. Il report US Grocery Shopper Trend 2019, realizzato dal Food Marketing Institute, analizza alcune tra le tendenze più interessanti e destinate ad avere effetti sull’intero mondo del grocery statunitense, ma anche ben oltre. Per esempio, emerge che le famiglie americane in media pranzano insieme solo 1,5 volte alla settimana, mentre condividono la cena 3,6 volte. Oppure, è certamente significativo che un terzo delle famiglie abbia almeno un membro che segue volontariamente un particolare regime dietetico, come keto, paleo o vegetariano, senza alcuna prescrizione medica.

L’ASCESA DEI MEAL KIT
Negli ultimi 12 mesi, sottolinea la ricerca, uno shopper americano su dieci si è abbonato a un servizio di consegna dei meal kit. Un dato praticamente doppio rispetto all’anno precedente. A essere attratti dai servizi di delivery dei kit pasto sono più gli uomini (12%) che le donne (8%).

IL PROFILO DEGLI SHOPPER ONLINE
Il Food Marketing Institute traccia anche un identikit dei principali clienti che si affidano al canale online per la spesa alimentare. Si tratta di uomini, nell’intervallo di età compreso tra i millennials e la Generazione Z, laureati, con reddito familiare superiore ai 100mila dollari annui, residenti in aree urbane.

A CIASCUNO IL SUO FORMATO
Gli shopper che appartengono al target dei millennials e della Gen Z danno più valore alle informazioni nutrizionali dei prodotti in confronto ai boomers. Inoltre, scelgono con maggiore frequenza i prodotti bio, naturali, o coltivati localmente, preferendo spesso i negozi con assortimenti limitati, come Trader Joe’s e Aldi. Al contrario il 58% dei boomers e dei consumatori senior fanno la spesa nei supermercati tradizionali. La Generazione X, invece, si rivolge più di tutti ai supercenter.

Articolo tratto da: Foodweb.it


Numero di visualizzazioni (284)/Commenti (0)

Tags: